Check-UpHealthy family

L'etimologia della parola ecografia di origine greca,corrisponde letteralmente a scrittura dei suoni. L'esame ecografico utilizza un tipo particolare di suoni: gli ultrasuoni.

L'ecografia ha mosso i primi passi in Italia negli anni '70 ed oggi, grazie al miglioramento tecnologico delle apparecchiature, non esiste organo che non possa essere studiato con tale metodica che viene considerata come esame di base o di filtro rispetto a tecniche più complesse.

La peculiarità di questa indagine risiede nella possibilità di visualizzare organi ed apparati immobili o in movimento, senza l'utilizzo di radiazioni o di campi magnetici.

Ha un rapporto costo/utilità diagnostica molto favorevole.

La rapidità dell'esame, l'alto contenuto diagnostico in mani esperte, l'innocuità, e quindi la ripetibilità, fanno sì che l'Ecografia occupi oggi il primo posto in molti protocolli diagnostici e sia largamente utilizzata, anche ai fini di un completo CHECK-UP.

Nella nostra esperienza abbiamo spesso rilevato anomalie congenite e/o patologie dei vari organi del tutto occasionalmente, per un esame ecografico effettuato per altri sospetti diagnostici. Ecco perchè un esame ecografico effettuato in un CHECK-UP può rivelarsi utile per una diagnosi precoce di un evento morboso che, se riscontrato tardivamente, può avere delle gravi conseguenze.

È un esame che può essere eseguito in tutte le epoche della vita: da pochi mesi sino a tarda età.

Rispetto ad altre tecniche di Imaging, tuttavia, il risultato diagnostico finale è fortemente dipendente dall'esperienza, dalla cultura e dall'impegno dell'operatore.

Esso è un esame dinamico in cui il movimento della sonda da parte dell'operatore e i movimenti degli organi esplorati sono parte essenziale della informazione diagnostica.

In effetti, possiamo concludere, affermando che la resa della metodica ecografica è piuttosto variabile, essendo in gran parte dipendente dall'esperienza dell'operatore.

Ciò costituisce il vero limite dell'ecografia.

bordo pagina